Mosè di Michelangelo





babele arte
 :.  Opere di Michelangelo  :. Mosè di Michelangelo

Mosè di Michelangelo

Le sculture di Michelangelo

Il Mosč č una delle pių celebri sculture di Michelangelo.
Essa č parte della tomba ubicata in San Pietro in Vincoli, a Roma, costruita da Michelangelo Buonarroti nel 1505 su commissione di Papa Giulio II. Tomba completata nell'arco di tren'anni a causa delle continue modifiche apportate al progetto originario. Nel primo progetto la tomba doveva essere costituita come un mausoleo a tre piani, ornato da quaranta statue in marmo e rilievi in bronzo, il Mosč doveva fare da pendant con la statua di San Paolo, in quanto entrambi avevano ricevuto la visione di Dio.
Il Mosč viene rappresentato in posizione seduta, con la testa barbuta rivolta a sinistra, il piede destro posato per terra e la gamba sinistra sollevata con la sola punta del piede posata sulla base. Il braccio sinistro č abbandonato sul grembo, mentre quello destro regge le tavole della Legge, mentre la mano arriccia la lunga barba. La statua, nella sua composizione, esprime la solennitā e la maestositā del personaggio biblico. Per quest'opera, Michelangelo si rifā al San Giovanni di Donatello, riprendendone la carica di energia trattenuta, resa manifesta nel volto contratto e concentrato, ma aumentandone la carica dinamica grazie allo scatto contrario, rispetto al corpo, della testa. I corni sulla testa di Mosč rappresentano raggi di luce.

http://www.buonarroti.eu/mosè_im_25040.htm
Mosè
http://www.buonarroti.eu/mosè_dettaglio_im_25041.htm
Mosè dettaglio






itinerari on line


Š infonet srl (PI 01322740331)
Mosè di Michelangelo
Opere di Michelangelo, Michelangelo Buonarroti, Grandi Maestri, Arte, Michelangelo, buonarroti, cappella sistina, pittura italiana, incisioni, mostre d'arte, arte classica, artisti italiani, scultura, david, i prigioni
Mosè di Michelangelo:Il Mosč č una delle pių celebri sculture di Michelangelo. Essa č parte della tomba ubicata in San Pietro in Vincoli, a Roma, costruita da Michelangelo Buonarroti nel 1505 su commissione di Papa Giulio II.

esecuzione in 0,296 sec.
2 visitatori connessi


Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitā illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pių o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK